venerdì 12 febbraio 2010

I gattini di Eva: cronaca di una giornata "NO"



Capita nella vita che si attraversino giorni "si" e giorni "no".

Per me, ieri, era decisamente una giornata di quelle "NO" scritta con entrambe le lettere maiuscole...

Tutto comincia quando circa due settimane fa Cristina, mia sorella, mi domanda una torta da regalare ad una sua amica che ha cinque gattini..

- Ma certo che te la faccio! Non c'è problema, dimmi i colori dei gattini...sì, sì, tranquilla la faccio io! -

Le ultime parole famose...

La giornata è cominciata con la base - la solita Chocolate Truffle Cake di Diletta (Lo Scief Scientifico) che mi è stata espressamente richiesta - già farcita di ganache al cioccolatoe ricoperta di chocolate ganache buttercream (metà ganache e metà crema di burro).

La copertura di una torta è il primo passaggio fondamentale per la buona riuscita di una torta decorata...ed io ci dedico davvero molta tempo e cura.

Perfetto. Si comincia.

Intiepidisco la pasta di zucchero nel microonde, la lavoro un po'...sto attenta a bucare tutte le bolle d'aria che inevitabilmente si formano...insomma tutto procede al solito.Molto professionalmente sollevo la pasta di zucchero con il mattarello e dolcemente la stendo sulla torta.Accarezzo la superficie in modo che la pasta di zucchero aderisca bene e, piano piano, arrivo alla fine e la torta è completamente ricoperta.

Eppure qualcosa di strano c'è:
la pasta di zucchero nella parte superiore si è assottigliata così tanto, da far intravvedere un'ombra più scura che parte dal bordo e scende di almeno due centimetri!!!

Oddio!!! Ora come faccioooo???

Idea meravigliosa: ricopro con un altro strato sottilissimo e tutto va a posto!

Proviamo.

Inumidisco la superficie della torta, stendo un altro po' di pasta di zucchero bella sottile...e cerco di ricoprire...

La sfoglia si appiccica in un modo quasi inverosimile alla superficie umida sottostante e, essendo sottile, crea delle meravigliose onduazioni proprio come i "volant" che con tanta fatica faccio io per decorare le mie torte...ecco: ho trovato un altro modo per farli...semmai volessi ricreare quest'effetto così artistico....

La guardo...e mi viene da piangere: sembra una sottospecie di abito da sposa con una gonna molto ampia e tutta scomposta.

Disperatamente decido di botto di rifare tutto daccapo. Strappo tutta la pasta di zucchero, che butto direttamente in pattumiera, essendo di un bel color marroncino tonalità "chocolate ganache buttercream"...

E naturalmente insieme alla pasta di zucchero viene via anche tutto l' "intonaco" sottostante...

Ma chi me lo ha fatto fare, a me, di ricoprire la torta di questa roba tutta marrone.... che non vi dico cosa mi ricorda...?Non c'è che dire: proprio una giornata di m....Tanto per rimanere in tema.Su quest'onda mi rifugio in bagno, mi guardo allo specchio e mi dico da sola:
-Ce la farai Donatella!-
E contemporaneamente stendo il braccio e sollevo il pollice destro...

Se, nel caso, mi rimanesse ancora qualche dubbio sul mio equilibrio mentale di questi ultimi tempi ora, con questo ultimo gesto...me lo sono chiarito...

E meno male che ho ancora qualche rimasuglio della famigerata buttercream marroncina...OK. Adesso riprendo.

Questa volta prendo il tavolo e lo sposto direttamente sotto la finestra, in modo che la luce del giorno mi aiuti a visualizzare subito eventuali difetti...Sono indecisa se inforcare un secondo paio di occhiali e infilarmeli direttamente sopra quelli che già indosso...mannaggia all'età...

Intonaco ancora, stendo la sfoglia e ricopro...ecco...

Stavo quasi per credere che tutto stesse procedendo per il meglio e che l'episodio di prima fosse solo un episodio appunto. Invece no.

Con il tavolo girevole dell'Ikea guardo bene la torta: con orrore noto quelle orribili crepine che mi si presentavano fino a qualche tempo fa, e che mi ero convinta (leggi illusa) di avere sconfitto con un po' di tecnica- seeee, come no... - e che invece sono proprio lì, sul bordo superiore della torta, proprio dove la pasta di zucchero si piega per aderire alle pareti. Ho voglia io... ad accarezzare... a lisciare... a passare un altro pezzo di pasta di zucchero con un po' di zucchero al velo nel palmo della mia mano per cercare di cancellarle. Niente, non se ne vanno.

A questo punto ingaggio una lotta furibonda con la torta...O lei o io. La guardo e penso:

- Avrai forse vinto una battaglia, ma la guerra la vincerò io!! Questa torta s'ha da fare! -.

Lei rimane impassibile. Cercando di convincermi che questi difetti sono visibili a me soltanto continuo ad osservarla....e mi accorgo che delle bolle d'aria sono rimaste intrappolate tra la pasta di zucchero e l'intonaco della... maledetta. Non si vuole dare proprio per vinta...Comunque...prima di farla scomparire dalla mia vista, in frigo, cerco di rimediare il rimediabile.

Alle 16 ho a malapena ricoperto la torta. Ho ancora da fare:

- cinque gattini tutti di colori diversi

- una cuccia per gatti che li accolga

- il fiocco e decorazioni varie di contorno...

Meraviglioso: finisco la settimana prossima.Peccato che debba essere pronta per domani sera...

In pochissimo tempo faccio il nastro azzurro, il fiocco alla bell'e meglio e modello il primo gattino, quello che dovrebbe essere tigrato rosso.

Bimbi in arrivo. Smetto e riprendo più tardi.

La sera i cinque gattini sono tutti pronti; faccio la cuccia e, in breve, ecco che il topper prende forma proprio come l'avevo pensato nella mia mente: la fretta mette le ali ai piedi, si dice, io ho le ali nelle mani.

Per fortuna gli animaletti non mi creano problemi...sarà che ne ho tre, di razza umana, in giro per casa...

Mi metto all'opera e comincio a dipingere i fiorellini sul nastro girotorta, sul fiocco, e sulla cuccia, in modo da ingraziosire il tutto. Decoro con la stessa fantasia anche il bordo bianco perchè mi piace coordinare tutto. Sono rilassata...e mi piace vedere come qualche tocco di pennello modifichi l'aspetto dell'insieme.

Lo dicevo io che la guerra l'avrei vinta, alla fine!

E oramai sera tardi, monto il topper sulla torta e vado a riposare un po': domani farò la scritta di auguri e dipingerò con la stessa fantasia anche quella.

Il giorno dopo mi alzo prestissimo e scendo in cucina. Mi accoglie una temperatura polare: ho dimenticato la finestra aperta tutta la notte...L'umidità è un ambiente PERFETTO per le torte decorate...ed infatti appena tolgo la torta dal frigo comincia a trasudare vistosamente...
Sto guardando dei gatti TRASUDANTI!!!
Nello spostarla, oltretutto, innavvertitamente la colpisco con una mano e...

L'unghia del dito anulare della mia mano sinistra affonda nella pasta di zucchero umida e lascia un segno indelebile...ovviamente sul davanti..- eddove sennò?? -. Cerco di correre ai ripari, ma è difficile: devo aspettare che si asciughi almeno un po'...oltre al riscaldamento accendo anche tutti i fornelli per asciugare in fretta la torta...alla faccia della crisi...

Quindi incomincio a spolverarla di zucchero al velo, cercando di aiutarla ad asciugarsi, ma lo zucchero si appiccica alla torta, nei punti ancora umidi, e lascia anche lì macchie opache.

Ma perchè mi è venuta la passione per i dolci decorati?...continuo a domandarmi...

Mah...

Lavoro con lo smoother, cerco di piallare, piallo di qua e lascio segni di là, le bolle d'aria si spostano..e alla fine mi arrangio alla meno peggio convinta che nulla potrò, oramai, contro la sorte avversa...

In questo stato d'animo realizzo le lettere. Mentre bevo un caffè si asciugano un po', e posso procedere con i pennelli.

Ore 7: la torta è pronta, finita e in frigorifero.

Serena scende a fare colazione e lei, sempre così critica nei miei confronti, mi dice che è bellissima, le piace tantissimo anche solo per la decorazione del nastro a fiorellini...e io allora sorrido: se piace a Serena vuol dire che alla fine ho vinto io!

Così comincia la mia giornata, alla fine ce l'ho fatta anche questa volta...anche se non è perfetta...e questa volta non lo è davvero, la trovo carina...

Speriamo piaccia tanto anche alla destinataria.


Eccola:

il particolare del bordo della torta con la scritta e nastro/fiocco dipinto a fiorellini:



Per concludere:

CHI LA DURA... LA VINCE!!!
L'importante è mantenersi saldi nella determinazione...solo che, a volte, non è affatto semplice.


Donatella


38 commenti:

  1. che meraviglia!!! Immagino che sarai stanca di sentirti sempre dire che sei bravissima... ma... LO SEI!!!
    Complimenti, un applauso per te! CLAP! CLAP! CLAP!

    RispondiElimina
  2. Donatella, ma io non vedo le crepe, non vedo nessuna imperfezione! Che hai spalmato poi uno strato di photoshop? A me sembra perfetta! Deliziosa, molto molto bella, proprio come tutte le cose che fai! Mi hai fatto ridere ed anche tremare... tra poco dovrò ricoprire una tortina... ce la farò????
    ti abbraccio!
    Kri

    RispondiElimina
  3. Senti, Donatella, io ogni giorno faccio un giro per il tuo blog in attesa di trovare qualche "capolavoro" e non vengo mai delusa. Le tue torte sono meravigliose, pulite, perfette nei particolari, ineguagliabili.Sto cercando d'imparare, ma fino ad ora ho provato solo con delle rose e qualche semplice oggetto. Ho provato a fare due volta la Chocolate Truffle Cake di Diletta, il sapore è buono, ma come si dice dalle mie parti è "gnummata", non risulta cioè soffice come si vede nella foto di Diletta. Come posso fare a mgliorare la mia esecuzione? Mi aiuti?
    Carmelina

    RispondiElimina
  4. Kristina: macchè photoshop!! Non lo uso e nemmeno sarei in grado!! Succede a volte, rare per la verità, che le foto nascondano invece che evidenziare...e questo è il caso...ma se ingrandisci...

    Carmelina: La truffle Cake ti viene "corposa" perchè è così che deve essere. E' una torta di tradizione inglese, molto densa, per questo adatta alla decorazione...e non è sarà mai soffice come un Pan di Spagna, per quel che ne so io. Credo sia proprio la caratteristica di queste torte...ma meglio chiedere a Diletta, che, oltre a vivere in Inghilterra, ne sa molto più di me circa gli impasti...

    A presto,

    Donatella

    RispondiElimina
  5. Che dire...nulla di nuovo sotto il sole, anzi no, qualcosa da dire c'è! La pasta di zucchero sotto le tue dita si anima, siano cani, gatti, fiori, ballerine o astronauti, tutti acquistano una dignità di piccoli capolavori. Ma fortunatamente quando a te le cose sembra che non vadano per il giusto verso.....abbiamo pure una descrizione di brani di vita vissuta meritevoli di uno pseudo "Premio Pulitzer" casalingo.
    Pure scrittrice, oltre che decoratrice, pittrice, mamma perfetta, amica affettuosa...e cosa vuoi di più dalla vita?
    Tutto come sempre, perfetto! Complimenti a te ed ai tuoi colorati gattini!
    Jacaranda
    Jacaranda

    RispondiElimina
  6. HIHIH...mi viene da sorridere leggendo il tuo post..."brutta razza" quella delle decoratrici, ti capisco! Anche se naturalmente non posso nemmeno un minimo paragonarmi a te, anch'io tengo molto alle decorazioni e spesso sono perfezionista, anche se agli occhi degli altri magari i difetti non si vedono!
    Brava Donatella, alla fine...hai sfornato come al solito...l'ennesimo capolavoro, nonostante ahi messo a dura prova i tuoi nervi! :-))))
    Bacioni!!!

    RispondiElimina
  7. Donatella hai vinto tu alla grande!!!! di solito non scrivo mai, non per pigrizia o per superficialità, ma solo per il mio carattere un po' chiuso,però di fronte al tuo post, nessuno può non scrivere, mi hai veramente fatto sorridere grazie!!!Lavoro stupendo!!!
    Credo che le torte sentino la nostra ansia, e ne approfittino :D

    RispondiElimina
  8. Avendola vista in anteprima posso solo confermarti che la trovo assolutamente deliziosa!!!! Il backstage raccontato mi ha fatto sorridere .... ma sò quanto tu abbia penato mia cara :D!
    I totally agree 'CHI LA DURA LA VINCE' e tu, bhè, sei una tipa dura verlo?????
    Un abbracciooooo
    Michela

    P.S. Ma la trovi imperfetta perchè non sei riuscita a far miagolare i micini? ;)

    RispondiElimina
  9. Scusa se rido delle disgrazie altrui ma mentre leggevo ridevo e mi immedesimavo nella storia, ad un certo punto sono stata invasa da un ansia... e dicevo ad alta voce: oh diooooooooo, per un fatto cosi' mi sarebbe servita una settimana di cure antistress!!:D
    poi conoscendoti pensavo... beh alla fine ha buttato via solo la copertura... non mi sarei certo meravigliata se presa dal momento avresti buttato via tutto ahahahahah!
    Bellissima cronaca di una tortina capricciosa:)
    Sei riuscita in pieno a descrivere l'ansia e lo stress che accompagna questo genere di decorazione, giusto per sottolineare che queste tortine per noi non hanno prezzo!
    Sulla torta che dire... semplicemente perfetta!!!
    Dietro ad ogni torta perfetta ci sta un esaurimento nervoso che poi bisogna smaltire per giorni!
    Dalla serie chi la dura la vince ma tu sei formidabile!

    RispondiElimina
  10. haha...bella la cronaca della giornata NO...ti capisco, capita anche a me, ma sembra che il risultato sia perfetto come al solito...bravissima!

    RispondiElimina
  11. Ciao cara....sono nuova di queste parti e rimango così...ad okki aperti di fronte alla tua bravura e la tua precisione!!!! Io adoro decorare le torte e adoro cimentarmi con glasse,ghiacce e paste di zucchero.....non sono brava come te....ma pian piano combino qualcosa anche io!! proprio oggi ho terminato la torta per mio marito...l'avrei voluta più precisa,più raffinata,più rifinita.....più come dico io.....ma sono sicura che a lui piacerà lo stesso...domani metto su le foto!!!
    Bè nella tua descrizione mi sono ritrovata...anche io per un attimo ho pensato MA CHI ME L'HA FATTO FARE??????...risposta....ZITTA E VAI AVANTI CHE LO FAI PER AMORE....è quella cosa che fa girare il mondo....e anche qualcos'altro a volte!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Bè scusa volevo condividere un attimo con te questa mia piccola e ancora inesperta passione!!!

    Complimentissimi Donatella...sei davvero bravissima....tornerò spesso a trovarti!!! ;-)

    A presto
    Sandra

    RispondiElimina
  12. Non ci sono altre parole oltre a quelle già dette per farti complimenti, anche il racconto è veramente appassionante.
    Ti ho incontrato da poco e spero di trovare nel tuo blog quello che serve per imparare a fare anche un millesimo di quello che riesci a fare tu. Ciao!!!

    RispondiElimina
  13. Sono ancora io... ho fatto un giro veloce, ma ho trovato solo foto di tue creazioni meravigliose ;-((
    hai segreti professionali che non vuoi svelare??? mi sai dire dove trovare le spiegazioni "elementari" per fare qualcosa degno di essere chiamato decorazione per torte???
    Grazie e ciao!!!

    RispondiElimina
  14. Ciao Donatella, sei sempre troppo critica con te stessa... ma ti capisco... ;)
    Cosa hai usato per fare le vibrisse dei gattini?
    Baci

    RispondiElimina
  15. Bruchina: Ti consiglio di iscriverti al forum di Cookaround. Troverai tante idee e tanti passo passo che ti aiuteranno tanto, così come hanno aiutato me all'inizio. Ogni tanto ci scivo anch'io, ma ci sono moltissime persone disponibili e disposte ad intervenire se tu avessi bisogno di aiuto.

    Sarachan: le vibrisse non sono edibili. Ho usato gli stami che si usano per i fiori, del tipo sottilissimo, tagliando la capocchia e riducendoli di misura.

    Fiammateresa: grazie del tuo commento. Capisco bene la riservatezza: anch'io ho sempre letto fino a pochissimo tempo fa e solo ultimamente sono uscita dal mio guscio...a fatica.

    Grazie a tutte per le parole gentili.

    A presto,

    Donatella

    RispondiElimina
  16. Cara Donatella mi sono pienamente riconosciuta nel tuo racconto,ogni volta è una sfida con me stessa.
    Complimenti per la tua torta bellissima,è stata una sfida ma alla fine hai vinto tu alla grande!

    RispondiElimina
  17. donatella m'hai fatto morire dal ridere !!!!! se penso però che sarebbe potuto succedere a me......non so cosa avrei fatto, e ti capisco quando dici che è stata una giornata di m......ad ogni modo riesci sempre a cavartela egregiamente, e naturalmente i complimenti sono come sempre d'obbligo !!!!!
    Sara

    RispondiElimina
  18. cara Donatella, sei bravissima, vorrei tanto fare le torte con le tue imperfezioni!!!! Non sei mai contenta, ma meglio così... ti sproni da sola a fare sempre meglio... sei davvero un esempio per me... BRAVISSIMA....

    RispondiElimina
  19. Ciao Donatella, mi unisco al coro delle lodi per dire che sei bravissima! Visito quasi ogni giorno il tuo blog e mentre aspetto trepidante che si apra la pagina spero sempre in qualche nuova creazione perchè i tuoi lavori sono insieme stimolo per la mia mente e gioia per i miei occhi. Il tuo post mi ha fatto sorridere e mi sono fatta una domanda...ma come fai a trovare il tempo per le tue meraviglie con tre bimbi. Io con uno riesco a malapena a sopravvivere!!! ciao e complimenti ancora.BRAVA! laura

    RispondiElimina
  20. Complimenti bellissima!!
    Elisa

    RispondiElimina
  21. sono passata di qua per caso e sono rimasta sbalordita !! sei un'artista fantastica complimenti!!

    RispondiElimina
  22. ma perché queste cose si possono davvero fare con le mani???????????????????? è meravigliosaaaaaaaaaaaaa...altro che imperfezioni....Ka

    RispondiElimina
  23. Ciao Donatella, sono arrivata qui da un altro blog che non ricordo neanche piu' , incuriosita naturalmente dai tuoi gattini...devi sapere che ne ho 5 anch'io e poi visto che oggi e' la loro festa nazionale ho cliccato subito sulla tua foto ed ecoomi qui! Ci sono le giornate no, ma tu sei davvero bravissima, la tua torta e' stupenda...ti metto subito nei miei preferiti e ti invito a partecipare al mio blog candy se ti fa piacere.
    a presto
    Laura

    RispondiElimina
  24. Ho scoperto solo ora, per caso il tuo meravigliosi blog!! Crei delle cose stupende, è un peccato mangiarle.... Complimentoni...
    Franci

    RispondiElimina
  25. donatella ma oltre ad avere un dono meraviglioso nelle mani tu hai anche il dono della scrittura!!!! :-)
    mi hai fatto morire!! e poi mi ci sono rivista anche io xchè è quello che penso regolarmente quando le cose non vanno come vorrei...
    la prossima volta ci provo anche io a fare l'ok davanti allo specchio sia mai che mi risolva la giornata!!! eheheh
    cmq sempre bravissima complimenti!!!

    RispondiElimina
  26. antonella56 di cook...20 febbraio 2010 07:25

    Donatella .... che forza che sei!!!!...anche le cose nate sotto un segno "no"..alla fine sono superlative...che donna!!!!

    RispondiElimina
  27. E chi la mangia più una torta così bella.
    Sono talmente rimasta colpita dalla fantasia della decoarazione che non posso immaginare quanto possa essere buona!!
    Ecccezzzziunale verrramenteeee!!!!

    Daniela
    de La Magia di Zlatar

    RispondiElimina
  28. Aiuto!! Quando capita cosi, che stress!!!! Mi impossibile di non ridere quando si ti legge!!!! E racconti tutto cosi bene!!! Comunque da vedere la foto, è cosi bella che non si può immaginare l'inferno che hai passato! E' bellissima! Un trucchetto, per le creppe ti consiglio un massaggio sulla torta con il shortening, aiuta molto al colmarle! Un bacio.
    Cécile (Fantasticakes)

    RispondiElimina
  29. Ciao Donatella,
    tu sei un'artista, non una pasticcera...sei troppo brava...ho deciso di seguirti...forse così imparo qualcosa... se vuoi vedere il mio blog (io non sono brava come te!) http//architettandoincucina.blogspot.com

    RispondiElimina
  30. How cute can they be :o) Love this cats and everything about them.
    Elin xx

    RispondiElimina
  31. Che meraviglia di cose prepari!!! Davvero complimenti! un caro saluto, Manuela

    RispondiElimina
  32. Ciao Donatella,
    mi chiamo Daniela e sono approdata "per caso" sul tuo blog......... mi hai scioccato.
    Letteramente.
    Sono più di due ore che giro sul tuo blog ipnotizzata.
    Non so come descrivere la mia sorpresa ed emozione.
    Ma poi le mangiate???????
    Ne avete il coraggio?
    E mi chiedo come trovi tutto il tempo........con tre bambini.......
    Davvero stravolgente!
    Complimenti per tutto, non solo per le capacità operative, ma per la fantasia, la volontà, la vitalità.
    Grazie per questo dono d'arte.

    RispondiElimina
  33. Ciao Donatella,
    sono ancora Daniela,
    continuo a girare in rete a guardare torte.
    Per curiosità innescata da te
    e sai cosa ho scoperto?
    Le tue torte hanno personalità e stile.
    Sono riconoscibili, sono proprio le tue. Non si somigliano con altre magari simili o copiate (magari da te! .......nel senso che ti sei ispirata).
    Dunque non è solo capacità tecnica.
    E' pura arte.
    Esse parlano di te e solo di te.
    Raccontano di una persona e vi si legge molto.
    E la tua.....Torta più bella..... è davvero la più bella!
    Dunque ancora complimenti (scontati!)
    Daniela

    RispondiElimina
  34. Daniela: grazie di cuore. Credo che per ognuno di noi sentirsi dire che quello che fa, che siano torte o qualsiasi altra cosa, è riconoscibile come suo e soltanto suo, sia il complimento più bello.

    Non sono affatto certa che quello che io realizzo sia arte...cerco solo di farlo al meglio delle mie possibilità :)

    A presto,

    Donatella

    RispondiElimina
  35. Ciao Donatella

    Lo sai che sei bravissima e le tue torte sono stupende, non e vero?

    Lo so cosa vuol dire questa brutta giornata "NO"...

    A me e capitato un paio di volte, ma facendo torte da matrimonio, figurati... dovevo vincerla io per forza, le spose sognavano con le torte.

    Ma ti consiglio una cosa: non si mette MAI una torta con il fondant, nel frigo.

    Io facio sempre cosi: lascio tutto pronto, preparo lo "stucco" [crema al burro che passo sopra e in torno per rendere liscio] e rimane nel frigo fino al momento che comincio la decorazione.

    Di solito preparo la sera del giorno prima, cosi nel giorno del matrimonio, per esempio, tolgo del frigo un piano alla volta.

    Stendo il fondant e copro, dopo NON la metto nel frigo.

    Le torte devono essere preparate in modo che restino in torno a 24 ore fuori dal frigo, compreso il momento che le decori, fino al momento che e tagliata.

    facia cosi che vedrai che non avrai piu problemi con la condensa.

    ciao

    Patricia

    RispondiElimina
  36. Non ho parole, la torta non è solo bella, di più! E come sai raccontare anche, e poi dipingi quei deliziosi fiorellini... Ma quanti talenti hai? La tua forza d'animo poi, è invidiabile.
    Sei un mostro di bravura!

    Rossella

    RispondiElimina
  37. dico, ma dov'è che non è perfetta??? a me sembra super perfetta... anche se capisco perchè essendo perfezionista-cronica vedo difetti ovunque nelle mie torte che gli altri non si sognerebbero mai di vedere!!

    RispondiElimina